Zenzero: dall’Oriente l’antinfiammatorio naturale

ImageOriginario del sudest asiatico, lo zenzero (Zingiber officinalis) è il rizoma di una pianta erbacea delle Zingiberacee, a cui appartiene anche il cardamomo. Il rizoma è fusto modificato che corre parallelo al terreno o che può trovarsi a qualche centimetro di profondità: simile ad una radice,  ha la funzione di accumulare sostanze nutritive di riserva per la pianta. Lo zenzero viene estratto dopo la fioritura, quando la pianta ingiallisce ed è ricco di principi attivi: l’olio essenziale contiene sesquiterpeni, alcoli, gingeroli e shogaoli che hanno azione antinfiammatoria e gli conferiscono proprietà digestive, depurative, anticellulite.

In fitoterapia è considerato un eccellente carminativo che promuove l’eliminazione di gas e allevia gli spasmi intestinali.

Grazie alla sua funzione disinfiammante sulla mucosa gastrica, lo zenzero fresco è usato per prevenire gastrite ed ulcera, anche quella dovuta all’assunzione di farmaci gastrolesivi, come gli antinfiammatori non steroidei (FANS).

È inoltre particolarmente consigliato contro il mal d’auto, la nausea e il vomito durante la gravidanza: sono sufficienti due fettine di zenzero dello spessore di 1 cm in una tazza di acqua calda.

Questa spezia cruda insaporisce tutti i tipi di vivande, dal pesce alla carne, dai cereali alle verdure, dalla frutta ai dolci, mentre cotta può essere aggiunta ai cibi durante la cottura, ma così perde gran parte delle sue proprietà.

In erboristeria possiamo trovare lo zenzero essiccato o in polvere, mentre nei supermercati o dal fruttivendolo viene venduto fresco.

Quest’ultima tipologia, anche se possiede le migliori caratteristiche qualitative del prodotto, ha lo svantaggio di non rimanere fresca a lungo e, per questo motivo, è utile conservarla immersa in un barattolo pieno di sabbia.

In Thailandia, lo zenzero trova applicazione nello sport, in particolare nell’ambito del Muay Thai (la boxe thailandese): gli impacchi di questa radice, pestata e mescolata con altre erbe, vengono applicati in caso di traumi, strappi, stiramenti, ematomi e contusioni.

Dal punto di vista nutrizionale è ricco di preziosi principi nutritivi come vitamine del gruppo B, A, C e sali minerali quali sodio, potassio, ferro, calcio, fosforo e zinco.

Infine, qualche piccolo consiglio per le donne: per sfruttarne al meglio le proprietà anticellulite, è possibile mettere qualche pezzetto di zenzero fresco, pelato con un pelapatate, in una tazza da tè con acqua calda, coprire e lasciare in infusione per 15 minuti, poi filtrare e bere.

Come trattamento esterno, è invece utile unire tre gocce di olio essenziale di zenzero e una di curcuma ad un cucchiaio di olio di mandorle dolci e massaggiare la zona interessata.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s